Wallpapers



Blog

Romanticismo metropolitano ( 22 dicembre 2008 )

Quello che ancora spinge una ragazza-ventiseienne-single-
che-vive-da-sola
ad affrontare un possibile disastroso primo appuntamento …è quel
possibile dolce, romantico, FANTASTICO primo bacio davanti al portone
di casa.
«Grazie per la serata…»
«Sono stato molto bene stasera Doriana…»
Alzo lo sguardo: lui mi fissa, ed io ricambio accennando un sorriso malizioso.
«Anche io…»
Silenzio: smetto di cercare le chiavi nella borsetta, ed inizio a fissare le sue labbra che si avvicinano lentamente alle mie.

Nella mia testa risuona la musichetta di "Ok il prezzo è giusto". "Cento! Cento! Cento!": è fatta!
Mi alzo sulle punte e…

«Davvero gli hai vomitato addosso?»
«Ragazze…» Simòne posa la forchetta.
La cosa più bella { o più drammatica } di ogni appuntamento, è poter
raccontare tutti i torbidi dettagli alle tue amiche davanti ad
un’insalata e un Manhattan.
«Beh… non proprio addosso…»
«Ragazze!!! Ecco, ora mi è passata la fame!»
Lo so: la mia vita sta alla sfiga come il colesterolo sta al
McDonald’s. Insomma non faccio sesso, e la cellulite guadagna terreno
sui miei fianchi.
Pelle a buccia d’arancia a parte, io ce la metto davvero tutta per far andare le cose nel verso giusto.

Ma allora?! Dov’è che sto sbagliando?!
Qualcuno pensa che sia colpa del troppo alcol; qualcun altro dei troppi psicofarmaci.
O, più verosimilmente, di entrambi mischiati insieme con una fettina di limone e un ombrellino viola in carta di riso.
Sara sorseggia appena il suo drink, lo posa sul tavolo ed inizia a giocherellare col bordo del bicchiere.
«Doriana, da quanto non fai sesso?»
Alzo lo sguardo, e ripenso a Vince.
«L’ultima volta è stata…»
«Troppo tempo! – la vecchietta al tavolo accanto si gira – Se ci hai dovuto pensare… vuol dire che è passato troppo tempo!»

Simòne riprende la forchetta e sospira. "Possiamo cambiare argomento?»
«Vuoi tornare a parlare di Clamidia?»
«Se non altro avremmo un argomento in comune!».
«Avevamo…» risponde secca Sara agitandole la cannuccia del Martini davanti alla faccia.

La sua politica riguardo alle relazioni sentimentali è sempre stata chiara: non cerca l’amore, perché odia essere cornuta.
Beh, forse …non ha tutti i torti.
Un attimo di calma, ed improvvisamente tutti i drink sul tavolo iniziano ad agitarsi.
«Hei cos’è che sta vibrando?»
«Non guardate me! Stavolta ho tolto le pile, giuro!»
«È il mio! – prendo il cellulare – Oh cazzo! Mi sta chiamando!»
«Chi?»
«Lui!» Panico!
Cosa faccio… rispondo?

« Vecchi Post Nuovi Post »

Francesco Orsi Alan Zucconi